storia e cultura


Mitologia

Una delle leggende sull'origine di Tonga dice che fu creata dal potente dio polinesiano Tangaloa, che mentre pescava al suo amo di osso di balena si agganciò un'isola sommersa; mentre questa era ormai uscita dall'acqua il filo si ruppe e l'isola ricadendo in mare si spezzò in tante parti che divennero l'arcipelago di Tonga. 
Un'altra leggenda molto simile attribuisce l'origine delle isole a Maui, un personaggio mitologico comune a tutte le culture polinesiane. Un giorno Maui stava pescando a sud delle Samoa e con l'amo tirò su le isole di Tonga, ad una ad una, dal fondo del mare. Maui schiacciò alcune isole, rendendole piatte, mentre altre - come Vava'u ed 'Eua - sono ancora oggi collinose. In alcune lingue e dialetti del Sud Pacifico, Tonga significa Sud e Tongatapu, l'isola principale, significa "il Sacro Sud".


Storia

Pur se la mitologia riguardo l’origine di Tonga è molto simile a quella di altre isole polinesiane, alcuni ritrovamenti ed alcuni reperti archeologici ancora esistenti ci permettono di sapere qualcosa di più sulla storia di questo arcipelago.
I primi abitanti furono i Lapita, una popolazione che sembra provenisse dal sud-est asiatico, attraverso l’Indonesia e Papua - Nuova Guinea. I ritrovamenti di manufatti in terracotta sembrano avvalorare questa ipotesi in quanto le tecniche di lavorazione e le decorazioni sono molto simili a quelle di queste popolazioni. Gli archeologi e gli antropologi pensano che questi primi abitanti dell'arcipelago di Tonga vi arrivarono circa nel 3000 a.C. anche se con la datazione al carbonio i reperti più antichi trovati risalgono solo al  1500 A.C. 
Poco alla volta la lavorazione della terracotta, forse a causa della difficoltà di reperire la materia prima, venne abbandonata e per i prodotti di uso comune vennero sempre di più utilizzati materiali più facili da trovare: conchiglie, ossa, noci di cocco ecc.
Intorno al  500 D.C. secondo la tradizione orale ha inizio “l’era tongana” vera e propria.
Col mito del primo “Tu’i Tonga”, Aho’eitu, iniziò una dinastia che ha lasciato parecchi reperti : la prima capitale, Toloa, più tardi trasferita a Heketa, con il Trilithon (in tongano Ha’amonga-‘a-Maui), chiamato anche lo Stonehenge del Pacifico, che pare servisse come strumento per l’astronomia, scienza in cui i Tongani erano molto esperti e che permise loro di navigare per quasi tutto il Pacifico. La tradizione dice che l’undicesimo Tu’i Tonga, che temeva di essere assassinato dai rivali, costruì una nuova capitale a Mu’a (nel dodicesimo secolo), ma probabilmente il motivo fu che era in una zona più comoda per l’approdo delle grandi canoe a doppio scafo (kalia) con cui i tongani in quel periodo dominavano tutta l’attuale area del Sud Pacifico, come dimostrerebbe la struttura portuale molto sofisticata ancora visibile oggi all’interno della laguna, una delle poche ancora rimaste in tutta la Polinesia (l’unica simile si trova a Bau, nelle Fiji).
Da questo periodo, fino ai primi del 1700, nella zona di Mu’a vennero erette delle enormi costruzioni a forma piramidale, che si presume fossero utilizzate come tombe reali.
Dopo un periodo di guerre civili, con la riunificazione di tutti gli arcipelaghi sotto il dominio del primo re della dinastia Tupou, che proveniva da Ha’apai, King Siaosi Tupou I, venne spostata la capitale a Nuku’alofa, nel 1852.
I contatti degli europei con Tonga hanno inizio nel 1616 con l’arrivo dei navigatori olandesi Schouten e Lemaire, seguiti da Abel Tasman nel 1643, dal capitano Wallis nel 1767 e dal Capitano James Cook nel 1773, 1774 e 1777. L’ammutinamento del Bounty ebbe luogo in acque Tongane nel 1789.
Il capitano Cook diede a Tonga l’appellativo di "Friendly Islands" - "Le isole dell’amicizia"- per l’amichevole e calda ospitalità tributatagli dalla popolazione.
L’avvenimento che maggiormente modificò il corso della storia tongana, fu l’arrivo dei missionari nel  1787.

Le guerre civili che avevano dilaniato il paese per 50 anni ebbero fine in quel periodo. Il Re Tupou I riunì il regno sotto di sé, si convertì al Cristianesimo prendendo il nome di George Tupou I, introdusse la prima forma di governo costituzionale, e istituì una riforma nel sistema di attribuzione delle terre che vale ancora oggi. Il Cristianesimo attecchì profondamente a Tonga, ed ha portato a uno stile di vita semplice e socievole, fermamente basato sui principi cristiani e su un profondo rispetto per la famiglia, che si estende fino alle parentele più lontane. Il regno di Tonga è una delle poche monarchie costituzionali rimaste nel mondo.

Color Photo by Tulua Bros. - Rainbow Studio - Nuku'alofa, Tonga
Tonga: Royal Dinner of two monarchs - Tongan delicacies
Queen Elizabeth of England -  King Taufa'ahau Tupou IV of Tonga
Royal visit of Queen Elizabeth to Tonga, 1977


Leggende e curiosità
Kalia, la grande canoa doppia tradizionale
con queste imbarcazioni i Tongani si spinsero molto lontano...
Come Tonga divenne "La Terra dove inizia il Tempo"
la vera storia dell'International Date Line
Tin Can Mail
in sistema per il trasporto della posta molto originale
Giulio Massasso, l'italiano più celebre dei mari del Sud
la storia di un piemontese che ha trascorso la maggior parte della sua vita in queste isole, ricoprendo per più di trent'anni il ruolo di  "Direttore dell'agricoltura"
la cucina e i cibi Tongani
Heilala Festival e Miss Galaxy
Ogni anno in concomitanza col l'Heilala Festival, si svolge il concorso di Miss Galaxy.
Un'occasione per capire meglio il "terzo sesso" delle isole del Pacifico

Ufficio del Turismo di Tonga in Italia
e-mail: info@tongaturismo.info